BARBA: 5 RISPOSTE A 5 DOMANDE FREQUENTI

Ci sono tante domande che attanagliano noi barbuti, ma alcune sono più frequenti.
Abbiamo stilato la top-five e cercato di dare delle risposte precise per trattare sempre con cura la vostra barba.

1- Cosa faccio se mi prude la barba?
Il prurito è causato da una serie di fattori: secchezza della pelle, del pelo e accumulo di cellule cutanee morte sul viso. La secchezza può essere causata da fattori genetici o ambientali, come ad esempio temperature eccessivamente alte o basse, sporco, saponi o detergenti aggressivi (ad es. non specifici per la barba)…
Potete combattere il prurito:
- usando un olio o balsamo idratante per alleviare la secchezza dei follicoli e della pelle;
spazzolarepettinare quotidianamente la barba per esfoliare la pelle sottostante, rimuovendo le cellule e i peli morti dalla superficie;
- usare detergenti o shampoo specifici per la barba regolarmente. Sono fatti apposta con formule destinate ad ammorbidire il pelo e idratare in profondità la pelle per prevenire ogni prurito.

2. Come e con quale frequenza tagliare la barba?
Esistono molte scuole di pensiero in proposito, perché vanno tenute in considerazione altrettante variabili: il ritmo di crescita e il gusto personale innanzitutto. Sulla frequenza di taglio, dunque, non possiamo darvi una risposta univoca, ma possiamo fornirvi qualche dritta sul come spuntare la barba.
- Per quanto possibile usate le forbici invece dei rasoi perché in questo modo potrete fare un lavoro più preciso e pulito, riducendo la possibilità di sbagliare e fare “buchi”.
- per un aspetto più pieno, spuntate i peli più lunghi che escono dal corpo della barba. Se vi preoccupa perdere la lunghezza potete non farlo, ma l’aspetto sarà quello di una barba meno folta.
- spuntando regolarmente la barba sarà più facile pettinarla e darle lo stile che preferite, controllandola.

3. Quanto spesso devo lavarla?
Questa è una domanda molto comune, esattamente come “ogni quanto devo lavarmi i capelli’?”. Molto dipende dalla vostra routine quotidiana e dal vostro lavoro: ad esempio se lavorate all’aperto e siete esposti a molti elementi (sporco, polvere, detriti, grasso) vi consigliamo di lavarla una volta al giorno, anche sotto la doccia. Se lavorate in ufficio o comunque in un ambiente pulito e senza troppo sforzo fisico, potete anche limitare i lavaggi a 2-3 volte alla settimana.
Più nello specifico per il lavaggio vi consigliamo di:
- usare prodotti specifici per la barba. La sua composizione, infatti, è diversa e più delicata rispetto ai capelli e necessita di detergenti con una composizione più leggera.
- non esagerate con gli shampoo. Come detto sopra, a meno che non trascorriate la giornata all’aperto o facendo attività fisica, il lavaggio quotidiano è eccessivo e potrebbe indebolire la barba, meglio un giorno sì e uno no.
- usate sempre un balsamo o un olio dopo il lavaggio, per domare la barba ma anche proteggerla con un effetto barriera.

4. Perché mi cresce a chiazze?
Ecco un altro problema lamentato da molti uomini, soprattutto nelle prime fasi di crescita della barba. Potete ovviare così:
- lasciate crescere più la barba in alcune aree come le guance, mentre spuntate le zone più folte per un look più equilibrato;
- se le chiazze sono un po’ ovunque, tenetela corta per il momento, cercando pazientemente di farla crescere uniformemente;
- potete infoltirla rimuovendola dalle zone meno folte (sulle guance e sul collo) e disegnandola bene lungo la mascella e sui baffi, magari inizialmente con l’aiuto del vostro barbiere.

5. Come posso renderla più liscia?
La barba riccia o crespa è un problema più comune di quanto pensiate. E non solo per chi è anche riccio di capelli.
Ecco alcune soluzioni:
- piastra lisciante: meglio se stretta come quelle per le frange dei capelli delle donne. Attenti a non bruciarvi le dita o la barba, non usate temperature troppo alte almeno nelle prime prove, procedete per gradi. Dopo aver usato la piastra usate un olio o una crema per idratare e proteggere i peli della barba.
- asciugacapelli: non potete non averlo in casa. Per una piega perfetta, prima di usarlo applicate qualche goccia di olio sulla barba e cercate di usare il phon con l’apposito beccuccio diffusore (o concentratore). Puntate l’aria calda dalle radici alle punte con l’aiuto del pettine o della spazzola. Al termine dell’asciugatura applicate olio o balsamo per riparare il pelo.
- asciugatura a mano: questa tecnica è la migliore per chi ha la cute sensibile e peli crespi, perché non prevede l’applicazione di calore diretto. Va fatta subito dopo il lavaggio. Usate un asciugamano pulito per tamponare la barba bagnata, con movimenti dall’alto verso il basso e da destra verso sinistra ma sempre spingendo verso il basso. In questo modo le fibre dei peli si allungano e si allisciano. Anche in questo caso consigliamo di usare balsamo o olio dopo l’asciugatura.
- qualsiasi tipo di asciugatura scegliate, per mantenere la barba liscia e morbida tutto il giorno vi consigliamo di usare una cera o olio modellante che la metta al riparo dall’umidità che potrebbe farla arricciare.